Quando si parla di radioterapia, si fa riferimento a un particolare trattamento che spesso si attua nel corso delle cure antitumorali. Nella cura delle neoplasie, si sfruttano le radiazioni ionizzanti prodotte da specifici macchinari per uccidere o ridurre le cellule tumorali.

A che cosa serve la radioterapia

Nelle cure delle neoplasie, la radioterapia gioca un ruolo fondamentale poiché agevola la remissione completa del tumore. Inoltre, si usa a scopo di controllo poiché riduce dimensioni e anche sintomi provocati dalle malattie neoplastiche. Si utilizza sia come terapia esclusiva sia in combinazione ad altri trattamenti, a partire dalla chirurgia ma anche chemioterapia e ormonoterapia.

Le sedute di radioterapia

La radioterapia è una terapia mirata, cioè loco regionale, per colpire il tumore in zone circoscritte dell’organismo. Occorre sottoporsi a più sedute di radioterapia il cui numero può variare in base alle dimensioni e al tipo di tumore. Si può parlare di una singola seduta fino anche a più settimane.

Le sedute si svolgono in regime ambulatoriale spesse volte, cioè senza bisogno di un ricovero per la notte. Sono del tutto indolori e il trattamento non è invasivo. Non occorre incidere o applicare un catetere. Non sono previsti effetti collaterali poiché le cellule sane non vengono colpite dalle radiazioni.

Tuttavia, un paziente oncologico può comunque trovarsi in uno stato di salute compromesso. Può essere stanco, senza energie o addirittura avere una ridotta capacità motoria. Possono anche insorgere complicanze a livello visivo per alcune tipologie di tumori. In queste occasioni, il trasporto presso l’ospedale e i centri specializzati di cura si avvale di un servizio di ambulanza privata. Per avere subito ulteriori dettagli, fai click su www.ambulanzaprivata.napoli.it

I risultati della radioterapia

L’efficacia della radioterapia va valutata a lungo termine, purtroppo, molti pazienti sperano che l’effetto sia immediato ma occorrono anche 6 mesi per poter dire che ha avuto efficacia e ha portato alla riduzione o completa eliminazione delle cellule tumorali. Per poter confermare la buona riuscita del trattamento, occorre una valutazione a più mesi di distanza quindi occorre avere pazienza.

Di Grey