Purtroppo, diverse persone devono sottoporsi ogni giorno a dialisi, un trattamento che oggi risulta però ancora poco conosciuta perciò vale la pena capire meglio di che cosa si tratta e come si pratica.

Che cos’è la dialisi

Si parla di dialisi per indicare un particolare trattamento che si occupa di sostituire il rene mal funzionante. Nel momento in cui la capacità renale è altamente compromessa, il rene non svolge più le sue funzioni e quindi non riesce a filtrare il sangue da tutti gli elementi di scarto l’idea di liquidi derivanti dalla sintesi cellulare. Tutte le impurità non possono depositarsi altrimenti subentrano problemi a tutti gli organi del sistema. In sostanza, la dialisi è un trattamento salvavita necessario per sostituirsi ai reni che non funzionano più a causa di patologie come l’insufficienza renale cronica.

Come si fa il dialisi

Dopo aver capito brevemente che cosa sia la dialisi, alcuni ci potrebbero domandarsi come si pratica la dialisi. Fondamentalmente, esistono due metodi per praticare la dialisi. Il primo si chiama emodialisi e consiste nel prelevare il sangue del paziente e passarlo all’interno di un macchinario che può essere chiamato in gergo rene meccanico. In pratica, svolge tutte le funzioni di un rene tra cui purificare il sangue dalle impurità, regolare l’equilibrio elettrolitico e anche la pressione sanguigna. Una volta pulito, il sangue viene reintrodotto in circolo.

Una seconda modalità per pulire il sangue dalle tossine presenti prende invece il nome di dialisi peritoneale. In questo caso, si inserisce un catetere nella zona peritoneale, da qui il suo nome. Attraverso questo catetere si inserisce una sostanza, una sorta di liquido dializzatore che, entrando in circolo, attira a sé tutte le tossine e le impurità che verranno successivamente espulse sempre tramite il catetere.

Entrambe le modalità vanno praticate più volte in settimana e hanno una durata di almeno quattro ore. La buona notizia è che in particolare l’emodialisi può essere svolta dal paziente anche a domicilio per migliorare la sua qualità della vita. Oltre ai macchinari e all’attrezzatura medica necessaria, occorre fare intervenire un infermiere a domicilio. Per info e / o prenotazioni, vai su www.infermiereadomicilioroma.it

Di Grey